Perché la ruota giri, perché la vita viva, ci vogliono le impurezze, e le impurezze delle impurezze: anche nel terreno, come è noto, se ha da essere fertile. Ci vuole il dissenso, il diverso, il grano di sale e di senape... Primo Levi, Il sistema periodico
» Blog » Archivio » 2015

Dai campi e dagli orti

 

Ultima puntata della bio fiction, come un caro amico chiama il nostro blog: dopo il grande caldo della prima metà di agosto il 16 finalmente c'è stato un bel temporale, seguito ieri, esattamente come previsto, da una pioggia non forte ma costante durata alcune ore e, accidenti, dopo aver fatto tanto caldo ora fa pure freddo.  Il pomeriggio ho fatto un giro per i campi: da lontano, come si vede nella foto, tra gli ulivi al posto della terra e della rada erba gialla riarsa, con un po' d'immaginazione sembra quasi esserci un prato. Ma dopo tutta quella pioggia alle sei del pomeriggio il terreno era già completamente asciutto e duro come un sasso. E le olive, be' nonostante tutto sono grosse e più abbondanti di quanto si pensava a inizio estate, ma alla raccolta ancora manca e nel frattempo incrociamo le dita. Intanto alcune varietà di uva hanno preso un bel colore scuro e sono dolci e saporite. Ogni annata è un mondo a sé stante, non ci si stanca mai di stupirsi delle differenze e delle reazioni delle singole varietà di colture, a volte imprevedibili nel carattere e nel comportamento. Per esempio questa stagione, nonostante l'estrema siccità (due mesi senza una goccia di pioggia con un caldo africano), l'uva è succosa e discretamente abbondante. Gli orti, ne abbiamo tre in varie posizioni, quest'anno non ci aiutano: zucchine e pomodori scarsi, melanzane un gran poche come si dice nel viterbese, peperoni che ve lo dico a fa'. Fagiolini e cetrioli non ci lamentiamo, aglio bellissimo, cipolla buona, un mare di basilico che, per motivi logistici, è stato messo in un punto dove invece non gli avrei dato un centesimo, aromatiche molto bene. Fichi purtroppo radi e ancora minuscoli, prugne belle e abbondanti. L'anno scorso invece, che è stato quello che è stato, abbiamo avuto melanzane peperoni e friggitelli fino a novembre, alla fine non se ne poteva più di mangiarli, e quest'anno prevedo lo stesso con le zucche, visto che il campo dove crescono prorompenti insieme ai meloni sta tracimando. E le more, ah le more grosse e succulente, da mangiare fresche o farci le torte.

E per il momento aspettiamo, aspettiamo ...

Villa Chiarini Wulf Società Semplice Agricola - p.iva 02054270562 tel. 0761 1790376 cell. 3473045733 - 3392887737 prodotti@villachiariniwulf.it appartamenti@villachiariniwulf.it
Realizzato con Simpleditor 1.7.5
X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.