Perché la ruota giri, perché la vita viva, ci vogliono le impurezze, e le impurezze delle impurezze: anche nel terreno, come è noto, se ha da essere fertile. Ci vuole il dissenso, il diverso, il grano di sale e di senape... Primo Levi, Il sistema periodico
» Blog » Articoli

Agricoltura intensiva. Pesticidi, diserbanti, fertilizzanti: quali danni alla salute e all'ambiente? Quali alternative?

Presso l'Ordine dei  medici  di Viterbo, sabato 21 maggio, si è svolto il corso  su "Agricoltura intensiva. Pesticidi, diserbanti, fertilizzanti: quali danni alla salute e all'ambiente? Quali alternative?” a cura della dottoressa Antonella Litta.

Pubblichiamo un primo breve riassunto dell’intervento della dott. Patrizia Gentilini, oncologo ed ematologo, membro di Isde e Medicina Democratica. Ne seguiranno altri tre: sul Lago di Vico, sulle centrali a carbone e sull’agricoltura biologica.

Mi scuso in anticipo per eventuali errori in quanto riportato, che sono da attribuirsi esclusivamente a me.

Dal corso emerge fortemente il problema delle esposizioni a pesticidi in dosi piccole e prolungate nel tempo, problema che ormai non riguarda solo gli agricoltori ma tutta la popolazione, poiché le molecole dei pesticidi sono stabilmente presenti nell’aria, nell’acqua, nel suolo, nella catena alimentare e nel latte materno. Tutto questo ha gravi ricadute sulla nostra salute e pesanti costi economici sull’intera società.


Le sostanze di cui sono fatti i pesticidi vengono appositamente selezionate in quanto pericolose per gli organismi viventi; un ortaggio, una mucca o un essere umano sono organismi viventi complessi, a differenza per esempio di un orologio, che ha un meccanismo complicato ma prevedibile. Gli esseri viventi, invece, funzionano attraverso una rete di relazioni, e se questa viene modificata le conseguenze non sono prevedibili.


L’esposizione prolungata a piccole dosi di sostanze tossiche, per esempio quelle sparse dagli atomizzatori comunemente usati in agricoltura e per la manutenzione di strade e verde pubblico, possono portare a infiammazioni croniche che a loro volta si sviluppano nel cancro o in malattie degenerative quali l’Alzheimer, il Parkinson e la SLA. Altro grande pericolo è per i feti e per i bambini: i pesticidi sono interferenti endocrini e possono passare dalla madre al feto modificando le cellule germinali e alterare il DNA. Le conseguenze possono essere autismo, deficit di attenzione e altro. Queste sostanze sono anche parzialmente responsabili dell’aumento di sterilità maschile e di disfunzioni alla tiroide, di aborto spontanea e malformazioni neonatali.


I pesticidi non sono presenti soltanto nella frutta o nella verdura, ma attraverso i mangimi passano anche nelle carni e nel latte degli animali. In Italia gli animali da carne vengono alimentati molto spesso con mangimi OGM, soia, mais, colza, resistenti ad erbicidi e in particolare al glifosato, che quindi viene usato in grandi quantità, tanto che è stato ritrovato in concentrazioni elevate nei liquidi biologici delle persone.


Un gruppo di bambini sono stati sottoposti a un’alimentazione esclusivamente biologica per una settimana, alla fine della quale si è notata una riduzione significativa degli organofosforici (sostanze con effetti tossici) nelle urine.
Si stima che in Trentino e nella zona del Prosecco, dove si pratica agricoltura intensiva, vengano sparsi all’anno 50 kg. di pesticidi per ettaro. Nelle nostre acque si trova una percentuale di glifosato più alta di quella consentita dalla legge. Inoltre a causa delle continue deroghe si impiegano anche sostanze attualmente vietate;


I pesticidi contengono anche altre sostanze, non dichiarate in etichetta, che  miscelate insieme all'agente primario formano dei cocktail ancora più pericolosi.


Altra conseguenza è la resistenza sviluppata dai parassiti nei confronti dei pesticidi, che porta all'impiego di dosi sempre più alte e di prodotti sempre più nocivi. Perciò negli Stati Uniti si è deciso di intervenire con il famigerato Agente Arancio, sostanza fortemente tossica impiegato durante la guerra del Viet Nam.


In Europa i costi economici in termini di salute ammontano a 163 miliardi l’anno.
 

Villa Chiarini Wulf Società Semplice Agricola - p.iva 02054270562 tel. 0761 1790376 cell. 3473045733 - 3392887737 prodotti@villachiariniwulf.it appartamenti@villachiariniwulf.it
Realizzato con Simpleditor 1.7.5
X
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.